Reset…

Ho un fatto un sogno stanotte. Non lo ricordo tutto. Non so neppure se avesse avuto una fine, o se sia ancora da inventare.
Era un sogno in bianco e nero, con una piccola luce arancione che si distingueva dallo sfondo. Calda.
Come quella di un camino.
C’era una volta un piccolo robot. Di quelli per uso domestico. Noiosi.
Quelli che non sanno fare niente se non sempre le stesse cose.
Un qualunque robot offuscato tra centinaia di robot più belli di lui, che sapevano muoversi, stupire. Reagire.
Erano il potere, e lui un piccolo oggetto che ripeteva sempre gli stessi gesti.
Però c’era una cosa che sapeva fare bene e nessuno lo sapeva. Sapeva parlare.
E quando lo faceva non era più così piccolo.
Perchè ascoltava, capiva e trovava le parole giuste.
Non aveva risposte già pronte dentro un software, ma emozioni in un piccolo cuore che chissà dove era nascosto.
C’era una piccola luce arancione che lo rendeva diverso, anche se era così piccola che da lontano non si vedeva neppure. Ma brillava nel buio.
Come una stella che nessuno vede di giorno.
Come una stella di cui nessuno conosce il nome eppure quante volte gli passiamo sotto.
Forse era stato un difetto di fabbrica. Od un piccolo sogno di un addetto ai lavori.
Lui non sapeva perchè era nato così. Non se lo chiedeva.
E girava voce di un altro piccolo robot, c’era chi non credeva in lui e chi invece se lo avesse trovato, lo avrebbe voluto tutto per sè.
Allora la sua luce non brillava, ma avrebbe potuto.
Chissà se era vero. E chissà dove era.
Chissà se qualcuno si era mai preoccupato di dargli un nome.
C’è una stella in meno su questo cielo.
Forse nessuno se ne è accorto.
Quante luci non facciamo brillare. Quante persone le confondiamo solo per abitudine.
C’è un mondo di cuori che non sentiamo più battere, ascoltiamo solo quello che ci va.
E ci perdiamo dietro ad un’immagine, ad un’etichetta.
A un’idea che spesso non è neppure nostra, per non sentirsi diversi.
Ognuno di noi ha un piccolo mondo in sè che spesso non comprendiamo neppure.
Ma se non alzo gli occhi per incontrare i tuoi, non vedrò mai altre stelle in cielo.
Solo insegne luminose e colori. Tutti uguali.
Nove del mattino, sabato. E’ tutto qui.

Reset…

…appunti di Natale

…sto rubando con gli occhi il Natale a mio figlio… e l’ho spiato la mattina presto quando si è alzato dal letto ed ha abbassato la testa sotto l’albero per controllare se nella notte fossero arrivati altri regali… e c’erano…
E più tardi mi ha chiesto "ma quando arriva Babbo Natale? …che io gli ho già messo qui un biscotto…" ed era vero… lasciato sul camino di una casetta a forma di fungo…
E mi brillavano gli occhi…
Perchè Babbo Natale quando arriva vedrai che sarà affamato…

…gAs…

Annunci

13 risposte a “Reset…

  1. Stupendo…Se imparassimo tutti a vedere il mondo attraverso gli occhi di un bambino… che sa più cose di quelle che noi crediamo di sapere… che vede più cose e tutte le luci brillare… gAs, tu saprai già quanto sei fortunato…e non dimenticarlo mai…perché sai che penso? Che in questi casi, quando il mondo va al contrario, quando un ogni tanto si lascia sfuggire qualche calore, qualche stella, qualche luce, quando uno si sente solo perché la gente va e viene e non resta mai, quando uno si aspetta chissà cosa e resta delusa, e quando tutte le volte che tu scrivi un post per dare un nome alla malinconia, bé, io penso che in questo caso la fortuna è di avere due possibilità dove ricercare la felicità.O in te, o in lui.Spero di leggere più post come questi.Dove leggo la tua vita.E mi piace tanto.Dovrebbe esserci sempre un albero di natale e un regalo sotto…Dovrebbe sempre esserci un risveglio tanto stupendo.E mi sembra di vedere i tuoi occhi brillare…E il tuo stupore… e la tua soddisfazione… e la sua sensibilità, nella tua.E mi è piaciuto tanto… così sto ancora un pò sotto il vostro albero di natale…Ciao gAs…

  2. ;)))occhi che s’incontrano….delle volte basta una tastiera amico mio…..il mio sorriso lo lascio qui per te….ne vale la pena…..buona giornata gas
    emma

  3. non rubi il natale a tuo figlio
    sei tu che glielo hai donato
    sei tu quello a cui quando non crederà più nella favola
    penserà con gratitudine perchè gli hai dato la possibilità di credere in una bellissima favola…
    forse ti senti come quel piccolo robot..forse…ma quel robot ha un cuoreun piccolo cuore che brilla
    non dimenticarlo
    e qualcuno lo vede
    qualcuno lo vede…e qualcuno sa alzare gli occhi per incontrare i tuoi…
    un sorriso
    Claudia

  4. te l’avevo detto che sarebbe stato natale nel momento in cui i tuoi occhi brillavano nel vederlo sorridere…..mi riempi d’immenso con queste parole….un abbraccio amico gAs….Adesso è Natale!!! ;-)

  5. E sarà bello sentirti anche nello spazio di un mattino…nella luce di un camino…in un silenzio pieno di emozioni…in un abbracio sospeso nel fuoco…

  6. Sei sempre pieno di dolcezza…e tenerezza…sei come il tuo bimbo dentro di te…
    in fondo.. la vita è questa..
    Buon inizio d’Anno 2009…un abbraccio…Lady

  7. …ma se non alzo i miei occhi per vedere i tuoi, non vedrò mai altre stelle in cielo!!!A volte, anche senza rendercene conto facciamo danni incredibili agli altri, però conquesta frase hai detto tutto. Perchè ci sono persone che non si accorgeranno "mai" o forse non subito dei danni fatti o delle ferite lasciate in giro ma ci sono anche quelle persone che, invece, comprendono e cercano di rimediare o comunque di migliorarsiper non ripetere più quell\’errore, per non ferire di nuovo, per non segnare qualcuno perla VITA. Ma siamo tanti a questo mondo e prima di comprendere…ne trascorrerà di tempoe per poterlo fare dovremo imparare ad aprire bene gli occhi e guardare bene e nella giustadirezione. Ti auguro tanti giorni ad occhi spalancati, tante immagini da raccontare al tuo cuoree la voglia di cercare sempre, nel mondo, lo scopo per andare oltre. Un sorriso e AUGURI.Giovanna

  8. e si sa…..babbo natale beve il latte e mangia i biscotti……è quando non te li chiedono più che comprendi che non ci credono più…..ma stanno zitti….non vogliono deluderci….perchè dare del bugiardo apertamente al gnitor non stà bene dai!!!!!e poi ……non vogliono rinunciare al regalo in più :) :) :) (dagli torto)io ci credo in babbo natale ….e tu?

  9. Che bella…l’ultima parte mi ha quasi fatta piangere…che belli che sono i bambini, io ho la fortuna di avere un cugino piccolissimo, ed è così dolce! Sono tremendamente dolci non solo durante i giorni di natale, ma anche quando semplicemente ti invitano a vedere un film, tipo mio cugino l’altro giorno mi ha detto "Non vieni a vederlo con noi il film di trilly?" che belli!!!Babbo Natale dovrebbe esistere solo per far sognare ancora, per non far perdere la speranza…il 2009 sta regalando anche a me i primi segni di magia…sono tanto contenta!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...