due punti e chiusa parentesi…

…soRrisi…

…E tra il rumore dei tergicristalli, questa canzone mi fa compagnia. Tanto lo so che non la ascolto per caso, che l’ho scelta io perchè musica e pioggia possano costruire i miei pensieri. E so anche dove andranno a finire questi pensieri… so che si fermeranno a metà strada… sfumando…
Che dureranno meno di questa strada da percorrere ancora, e si bagneranno di pioggia.
Perchè è sempre così, ed i pensieri in auto si interrompono, tra un auto che sorpassa, una buca sull’asfalto ed una svolta…
E un pò sono io a volerli fermare, perchè ho paura di perderli… perchè magari sto guidando e non posso scriverli… abitudini… e allora ripasso in testa certe frasi come ad imprimerle di più, per non scordarle.
E poi arrivo qui, e qualcosa resta… qualcosa no…
Perchè il momento migliore per pensare è quando in fondo hai anche tempo per farlo…
Quando non devi correre via…
Ed ogni giorno ci saranno cose che sentirò di dover dire, e semplicemente altre di cui non vorrò parlare, perchè non sarà sempre il momento giusto per farlo… anche se a volte sarò già li, in scena, e non potrò rimandarle…
C’è un tempo per dire ed anche uno per non far sapere subito.
C’è tempo per capire che il momento giusto non è questo.
Allora non so quanto ancora mi ritroverò qui a scrivere cose che non dirò subito… cose che il tempo lascerà intatte, e quando verrà il momento, saprò riconoscerle, una ad una…
E chissà… sarà come ritrovare qualcosa che tanti anni fa avevo forse nascosto tra le pagine di un libro…
Magari un segnapagina… magari una lettera…
Magari una fotografia che non ricordavo…
E so che un ricordo che inizia lentamente, a poco a poco potrebbe sommergermi… straripare…
Diventare così grande che poi non esiste nient’altro…
E involontariamente lascio un ricordo ogni volta anche qui… qualcosa che mi riparlerà di me…
E adesso come adesso penso che non cancellerei mai questo blog… ma poi chissà, che a qualcuno l’ho visto già fare, per ricominciare… per una pagina in cui non si riconosceva più…
Ma non lo so… penso che non cancellerei mai un ricordo…
Perchè saprei ricominciare anche senza strappar via fotografie…
E spingo i fogli più in là… sposto questi fogli sparsi come sogni… frammenti di me, parole, numeri, disegni…
Ed impegni, piccole gioie da conservare e carta da buttare…
E guardo questo sottile filo che ci unisce… questo cavo telefonico che esce dal pc e viene verso di voi, ed è soltanto illusione possa bastare… che sia tutto con questo che funziona…
Perchè questo monitor da cui esce ogni voce, ogni respiro… possibile che sia così sottile certe sere? Possibile che si senta tutto, che certe ombre spariscano e ci sia soltanto luce…
A volte ci sentiamo così diversi dalle persone che incontriamo che poi quasi ci spaventa trovare le nostre parole tra le pagine degli altri… quello che pensiamo, quello in cui crediamo e scriviamo magari di nascosto, e poi apri un blog e lo ritrovi lì…
E ti chiedi chi sia questa persona… come possa leggerci dentro senza neanche conoscerci… e da quanto tempo ha i tuoi stessi pensieri e tu nemmeno lo sapevi…
Ogni volta senza accorgermene, scrivo di me e lascio pensieri che raccoglierà qualcun’altro, in una sera in cui magari si sentirà come me…
E tra le mie immagini chissà se tu in qualcosa ti riconoscerai… quale fotografia avrò scattato e sullo sfondo c’eri anche tu… e non lo sapevo…
E quante volte le avevo già riviste queste foto, convinto di esserci dentro soltanto io…
Forse anche queste immagini si possono condividere? Le immagini del cuore come quelle su flickr… "Questa foto appartiene anche a…"
…e proprio quando penso "ecco, adesso sì che questo post non lo capirà nessuno"… perchè dico tutto e forse niente di me… invece poi i giorni passano e qualcuno passa di qui. Si ferma…

E allora mi dico… centrato… perchè le parole forse erano davvero quelle giuste…
Vuol dire che ci si ritrova e forse un pò si scambiano gli sguardi…
E sento che qualcuno mi crede dentro… crede a parole che neppure pensavo fossero uscite…
Crede a quel che non è ovvio di me…
E intanto continuo a trasformare il mio inchiostro in batticuore… come una strana alchimia fatta di emozioni semplici… e sono ancora io…
Io che non saprei mai scrivere un libro, anche se qualcuno ci crede e me lo chiede… ed io sorrido…
Io che stasera, guarda un pò, riesco a trovare una bella canzone anche in un cartone animato… e poi magari un giorno ve la faccio anche ascoltare…
E certi giorni il mondo gira e giro bene con lui… ed altri mi metto da solo in standby… e faccio in modo che non sia una punizione, ma un premio…
Perchè penso che la fantasia non potrà mai sostituire la realtà… ma qualche volta sarà il solo modo che avremo per riaccenderla un pò…

Insieme…

E cammino fra mille colori, ma non li voglio tutti per me…
Ne scelgo qualcuno… da portare via…
Da tenere sempre con me…
Tra parole nuove e momenti passati…
Tra colori da vivere… o ri-vivere…

…ۉдς…

Annunci

20 risposte a “due punti e chiusa parentesi…

  1. ecco una delle pazze heheheh….non si arriva alla fine dei tuoi post a fatica.. anziè sempre molto piacevole avere la tua compagnia.. e le immagine e la musica che fannoda cornice perfetta alle tue parole,che non sono mai sparate a caso…sono un fluire di emozioni..ti mando un abbraccione

  2. ho letto tutto…e ho letto anche oltre… è proprio quando si crede di non dire niente di noi stessi che si racconta la nostra storia… è proprio quando c\’è "quella canzone" e "quella pioggia" che i ricordi più belli e più intensi riaffiorano….buona giornata

  3. uno, due, tre volte…e ancora…ma come ci si potrebbe stancare…tutto quello che dici, o che non dici, che lasci intendere o che vorresti che gli altri capissero…ma la vita che cos\’é in fondo?E\’ una strada, dove talvolta qualcuno inciampa…E\’ una fotografia, per ricordare che oltre c\’è sempre qualcosa che non conosciamo.L\’unico modo per bloccarci in un istante senza sentirci in trappola.Perché la vita corre,così velocemente che non riusciamo neanche ad assaporare il gusto delle nostre parole,ma questo non è male, perché il pensiero fa la grandezza dell\’uomo…E anche se qui, non c\’è tutto quello che avresti voluto,perché la mente gioca brutti scherzi,perché la memoria ci lascia,o perché semplicemente certe parole sono così istantanee che altrove non avrebbero più senso…anche se tutto questo o molto altro,tu hai un sempre modo per sentirci parte di te…e allora io ascolto la melodia che lasci tu…e non lo so se il mio pensiero adesso corrisponde al tuo…ma riesco a credere che sia così.Perché le note sono le stesse in fondo, e il cielo a cui guardiamo anche lo è…Infinitamente gAs…

  4. e ora che ti scrivo?le tue parole hanno suscitato in me mille pensieri…mille cose troppe per un semplice commentoprovo:1 – la macchina, spesso è il mio pensatoio, mentre sono in macchia elaboro pensieri, cesello parole, sono abituata così, quando arriva il momento di scrivere è già tutto lì, pronto, le parole si inannellano semplicementemagari penso e cesello per 10 gg poi tac ecco è pronto…2 certo nessuno di noi dicetutto, scrive tutto,ma spesso chi ci legge, se ci legge con il cuore e non solo con gli occhi sa andare oltre le parole, riesce a aprecepire il non dettoil silenzio che si cela dietro certe parole o certe immagini…3 . l foto he hai messo è semplicemente stupenda, vuoi la mia interpretazione? e se non la vuoi tanto la scrivo ugualmente, magari non leggerla:quella sedia è lì per chi ti vuole ascoltare, lì in attesa di qualcuno che abbia voglia di ascoltare il rumore del mare che è il tuo dire e non direincessante, avanti e indietronel sole che sorgein attesa di un nuovo giorno tutto da vivere e tutto da inventare…4 il filo invisibile che lega chi scrive e chi legge, sempre con il cuore e on solo con gli occhi: alcune delle mie più belle e vere amicizie sono nate così, qui, a distanza, leggendo e commentando, diventando a poco a poco pertecipe di una vita che non conoscevo, facendo partecipi altri della mia vita, certo poi un poco alla volta si sono evolute, sono diventate rali, ci si è parlato, ci si è incontrato e si sono superati gli scogli della distanza… ma pensa, quanto è bello pensare che alcune splendide persone non avresti mai avuto mdo di conoscerle se non con questo mezzo…5 cancellare il blog? non potrei mai, io ho lasciato quello precedente perchè non mi sentivo più a casa per un sacco di motivi molto personali ma non potrei mai cancellarlo, in esso ci sono momenti di vita vissuta, pensieri, emozioni che fanno parte di me, che non rinnego, che hanno fatto di me quella che sono oggi… è lì, ogni tanto ci passo, rileggo certi passi,mi ristrovo…anche se ora sono diversa,in parteanche se ora certe cose non potrei più scriverle, appartengono a quel mpmento, a quel tempo…Ho perso il conto… anche a me dicono che dovrei scrivere un libro ma io non ne sono capace, io so raccontare soilo ciò che sono, ciò che vivo, ciò che sento, non saprei scrivere un libro..e come te adesso dicohai avuto io coraggio di leggere fino a qui?grazie gasun sorrisoClaudia

  5. ..io mi sono ritrovata qui..chissà..magari eravamo insieme quella volta in cui hai scattato la foto, eppure non ce ne siamo accorti.. ;)un abbraccio gas! :)

  6. In tutto quello che hai scritto ho rivisto l\’opera di un artista spagnolo contemporaneo ….non ricordo il suo nome ….ma fa delle composizioni con più fogli,scatoline,ecc…. e racconta….racconta di se ,dei suoi sentimenti ,della sua dolcezza con gesto di matita così lieve che sembra accarezzare il soggetto descritto……..forme semplici quasi fanciullesche sprigionano echi e toni di colori compongono la sua "musica"…….Ecco chi mi ricordi ,con il tuo non voler perdere il "ricordo" che non è solo nostalgia ma volontà di fissare quell\’attimo ,quella parola,quell\’emozione che ti ha fatto vibrare………oh amico mio……chi siamo se non vibrazioni di eterno?????

  7. Faccio parte delle persone pazze che hanno letto tutto fino in fondo e non potrebbe essere diversamente. Mi metto comoda sulla sedia della foto e………ti parlo. Non posso fare a meno di pensare che sulla panchina poteva sedersi più di una persona, sulla sedia no. Ecco ci ascolti uno alla volta, con calma. Ora è il mio turno. Ti lascio un sorriso gAs. Lucetta

  8. …già ….siamo pazzi ….come te che mi segui in tutto il mio andare….forse solo i pazzi si capiscono…forse solo i pazzi permettono che delle semplici parole qui…scendano sino all\’anima…forse solo i pazzi ….e sorrido amico mio….sorrido di te che ti domandi come faccio a gestire tutto…gas…gas…non gestisco nulla….la vita scorre ed io scorro con lei….nei miei vecchi luoghi torno solo per quei pochi amici…che come te….ogni tanto tornano….un attimo….sono io…ma sono nuova….;)ma come te non potrei cancellarli….hanno troppo di me…e di voi….ci ritroveremo sempre…sinchè avremo ancora un sognoti abbraccio…quell\’abbraccio che è un piacere darti….dolcenotte amico mioemma

  9. Che ne sarebbe di noi senza la fantasia?E si…scrivi, scrivi, e ancora scrivi …ogni qual volta haiquel batticuore. E\’ qualcosa di meraviglioso leggerti.Non venivo da un pò…non scrivo da un pò, non come prima.Il freddo mi ha paralizzato la fantasia, oltre che il cuore.Speriamo arrivi presto la primavera.Un sorriso per te gas:)

  10. … ed ecco un altra pazza!!!!letto tutto, fino in fondo, con attenzione, perchè ogni singola parola ha il suo valore…e mi ritrovo in tutto ciò ke hai scritto con spontaneità e scioglievolezza…parole vere, parole forti, parole stampate, parole incancellabili…
    a presto Gas
    un bacione

  11. Mi son ritrovata qui per caso e…. ètutto così vero quello che hai scritto! Sembriamo tutti così diversi, con diverse passioni, vite, giornate. Ma poi in fondo condividiamo tutti le stesse emozioni, le stesse sensazioni, ansie, paure… Ci accomuna la fantasia che ci aiuta a vivere meglio ogni singolo istante delle nostre realtà.Un saluto, tornerò a trovartiCora

  12. Ecco… Questa è una di quelle sere… Passo di qui per vedere se c\’è qualche nuovo post… qualche spunto per riflettere… qualche mio pensiero confuso, che invece trova forma e consistenza tra queste pagine…E si… ecco che lo schermo diventa sottile e trovo nelle emozioni di un perfetto sconosciuto qualcosa della parte più profonda di me.

  13. …perchè in fondo poi la vita è un anello…non c\’è inizio e non c\’è fine…i ricordo tornano… sembrano sempre nuovi… e magari invece… deja-vù..?Uno… e quanti significati può avere una parola…tre lettere… ed un\’importanza enorme…Non mi rendo conto che forse… sono lo specchio delle nostre emozioni…E tutto è così vero… anche se passa attraverso una rete invisibile sulla nostra testa…

  14. "E certi giorni il mondo gira e giro bene con lui… ed altri mi metto da solo in standby… e faccio in modo che non sia una punizione, ma un premio…Perchè penso che la fantasia non potrà mai sostituire la realtà… ma qualche volta sarà il solo modo che avremo per riaccenderla un pò…"Si legge tutto d\’un fiato…e si resta senza fiato. Riporto le tue ultime frasi per fissarle meglio, per ricordarle ed imprimerle nella mente; sono vere, sono condivise, sono ora anche nostre…mi siedo ad ascoltare e a raccontare…Un sorriso. Maria Rosaria

  15. OGNI GIORNO…UN RICORDO…UNA VERITA\’…UN SOGNO…FRA MILLE COLORI SI ADAGIANO I TUOI PENSIERI STUPENDI E DIVENTANO VIVI…TI DIPINGONO I TUOI PENSIERI…CHISSA\’ OGGI DI CHE COLORE SONO?…E DOMANI?…CHISSA\’…UN ABBRACCIO…Lady

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...